More

    Digital Strategy: 4 fattori importanti

    DIGITAL STRATEGY: 4 FATTORI IMPORTANTI

    Come abbiamo visto, la Digital Strategy è la progettazione strategica di un piano con cui definiamo la nostra presenza nel mondo digitale, considerate le specifiche peculiarità del settore culturale.

    Nella definizione di una Digital Strategy è fondamentale capire a chi ci rivolgiamo e quali sono i nostri obiettivi: solo così potremo capire la strategia, lo strumento e il canale più adeguato da utilizzare.

    Per aiutarvi in questa fase, ecco i quattro fattori importanti: 

    1. LE TEMPISTICHE

    Analizzare il fattore tempo significa decidere di escludere alcuni canali di promozione per utilizzarne altri, in linea con le tempistiche e obiettivi. Esistono strumenti che portano a risultati immediati come Campagne PPC (Pay Per Click) e PPI (Pay Per Impression), Social Media Advertising e Email Marketing; mentre altri hanno bisogno di più tempo come l’ottimizzazione SEO, Social Media Organico, Content Strategy, Blog Marketing e le Newsletter. Ogni strumento ha costi, modalità e benefici specifici che dobbiamo valutare al momento della pianificazione per scegliere il canale più adatto per i propri obiettivi.

    2. LA LOCALIZZAZIONE

    Come si configura abitualmente il comportamento delle persone rispetto al tipo di prodotto/servizio culturale che propongo? Quale potrebbe essere l’approccio migliore da adottare? Cosa offrono esattamente i nostri competitor sia online che fisicamente? Hai analizzato il mercato di riferimento su base locale, nazionale e internazionale? Rispondere a queste domande aiuterà a capire meglio quali potrebbero essere i canali migliori del proprio Web Marketing per raggiungere la soluzione più performante e quantificare i costi delle soluzioni possibili.

    3. LA TIPOLOGIA

    Prima di avviare un’azione di promozione bisogna conoscere alla perfezione la tipologia di prodotto/servizio che si offre. Vogliamo vendere un’opera d’arte? Bene, quali sono i suoi punti di forza e le sue debolezze? Possiamo gestire da soli tutte le fasi della vendita? Dalla spedizione, all’assicurazione fino all’installazione? Quali canali sono più adatti alla vendita: piattaforme online? Gallerie, fiere, vendita in atelier? Non solo dobbiamo studiare bene il nostro prodotto, ma è assolutamente necessario analizzare anche quello che potrebbero desiderare i potenziali utenti. Queste conoscenze renderanno il lavoro più semplice, economico e proficuo.

    4. L’INTERCETTAZIONE

    Infine dobbiamo capire come intercettare gli utenti e per farlo dobbiamo basarci sullo studio della domanda latente e di quella consapevole. La domanda latente è quella che non parte da un’esplicita ricerca dell’utente, bensì viene stimolata dalla visione di un “qualcosa che produce un nuovo “desiderio” che, a sua volta, potrebbe generare l’azione di acquisto o il semplice approfondimento. L’esempio classico sono le campagne adv sui social network e i banner pubblicitari. La domanda consapevole invece parte proprio dall’utente, mosso a cercare online la soluzione ad un problema o a soddisfare un suo desiderio d’acquisto. Esempio: le campagne adv sui motori di ricerca o in siti vetrina specializzati.

    Avere le idee chiare, conoscere alla perfezione il proprio target ed avere prodotti/servizi culturali di qualità, rappresenta la migliore strategia possibile per avere successo nell’online. Per tutto il resto sono necessarie competenze tecniche per raggiungere quanto prima i risultati che desiderate nel mondo digitale.

    Se anche tu vuoi implementare la tua digital strategy per la tua attività di artista o professionista nel mondo dell’arte, contattaci

    Art Backers Agency è la prima agenzia di Marketing Culturale e Comunicazione interamente dedicata al mondo dell’Arte 3.0.
    Supportiamo gallerie, musei, istituzioni e brand extra-settore con strategie digitali tra fisico e online.

    Ultimi Articoli

    Direct Email Marketing e Newsletter: le differenze

    Gli strumenti principali di email marketing sono la DEM acronimo che sta per Direct Email Marketing e la Newsletter, con metodologie e finalità estremamente differenti tra loro, che occorre conoscere per capire quando usare l’una o l’altra.

    E-Learning per l’arte

    Il grande vantaggio dell’e-learning per l’arte è quello di poter imparare direttamente dai grandi artisti e professionisti del settore

    I Marketplace per l’arte

    Oggi sempre più artisti e gallerie sentono l’esigenza di accedere ad un luogo virtuale dove avvengono acquisti che, per il mondo dell’arte, interessano principalmente opere

    L’Email Marketing per l’arte

    Per il mondo dell’arte, questo vuol dire fidelizzare il proprio pubblico di collezionisti, visitatori, art lovers, stampa e professionisti, attraverso una comunicazione personalizzata, rapida ed efficace, ma soprattutto costante.

    Scopri Art Rights

    Scarica l'eBook

    Scopri gli altri articoli