More

    Vanity Metrics per l’arte: cosa sono e come utilizzarle

    Vanity Metrics per l’arte: cosa sono e come utilizzarle

    Come valutare le performance social senza perdere di vista l’obiettivo principale.

    Spesso, nel mondo del marketing, il termine vanity metrics ha un senso dispregiativo, perché è legato a dati come like, followers, commenti, condivisioni che creano una “ bella immagine” dell’azienda esternamente, ma non contribuiscono a portare ad alcun risultato concreto.

    Ma anche le vanity metrics, se analizzate nel contesto più ampio di una strategia digitale, possono diventare un fattore interessante.

    Infatti senza followers, like, commenti e condivisioni, l’algoritmo dei social non mostrerà mai al potenziale art lover i contenuti prodotti da musei, gallerie, artisti, istituzioni.

    Specialmente in una fase iniziale, l’obiettivo di chi crea contenuti artistico-culturali, basati su valori intangibili, deve necessariamente essere quello di accrescere il proprio pubblico, e soprattutto il proprio engagement con la community: avere utenti attivi significa che questi potranno essere fruitori, collezionisti, visitatori e sostenitori delle attività.

    Quando le vanity metrics diventano inutili?

    Accade che un museo, un artista, o una galleria, abbiano un alto numero di followers, like, commenti, ma a fronte di un tasso di conversione molto basso, ovvero la percentuale che effettivamente compie un’azione richiesta verso il profilo.

    Questo vuol dire che i contenuti possono anche essere di qualità e interessanti, ma non spingono l’utente a compiere una determinata azione: l’acquisto di un’opera d’arte, la richiesta di un servizio, la visita di una mostra o di un evento culturale, l’iscrizione ad un webinar.

    Le vanity metrics devono dunque essere sempre analizzate in relazione all’obiettivo del brand/istituzione d’arte, che può essere sia legato alla vendita diretta, sia ad un miglioramento della Brand Awareness e della Customer Experience.

    Inoltre, possiamo prevedere altri indici di performance che possono essere utili per i nostri obiettivi, come:

    Menzioni Vs Share of Voice: le menzioni e i tag, di per sé, sono poco significativi, mentre lo share of voice indica le menzioni all’interno del proprio settore di attività, nel nostro caso da parte di artisti, gallerie, collezionisti, musei, e misura il peso rispetto ai competitor

    Impression Vs Percentuale di Traffico sul sito: un post con un’opera d’arte che promuoviamo sul nostro sito o su un servizio che offriamo, può ricevere tantissimi like e impression, ma portare pochissime persone a visualizzare la pagina del prodotto o servizio. E’ bene quindi tenere conto quale percentuale di utenti naviga sul nostro sito arriva dai social

    Condivisioni Vs Amplification Rate: non contare solo il numero di condivisioni, ma rapportarlo sempre al numero di follower. 

    Like Vs Indice di Gradimento: anche il numero dei like va sempre analizzato in relazione al numero dei follower, per capire la qualità dei nostri contenuti, ma anche dei nostri follower

    I Social Media stessi inoltre, come Instagram e Facebook, forniscono innumerevoli tools e strumenti efficaci per misurare le performance social e per capire l’effettiva natura del pubblico di riferimento, attraverso segmentazioni sempre più precise per interessi, età, locazione geografica etc…

    Anche il mondo dell’arte sta cominciando a considerare le vanity metrics in maniera intelligente, integrandole all’interno di una digital strategy finalizzata a degli obiettivi ben specifici.

    Se anche tu vuoi implementare la tua digital strategy per la tua attività di artista o professionista nel mondo dell’arte, contattaci

    Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è art-abckers-agency-wall-1024x683.jpg

    Art Backers Agency è la prima agenzia di Marketing Culturale e Comunicazione interamente dedicata al mondo dell’Arte 3.0.
    Supportiamo gallerie, musei, istituzioni e brand extra-settore con strategie digitali tra fisico e online.

    Ultimi Articoli

    La Promozione dei Bookshop museali

    Il bookshop è quel luogo magico in cui è possibile acquistare un ricordo della visita al museo, approfondire un argomento particolare, acquistare il catalogo della mostra o un gadget da regalare.

    Art Rights Prize, il Primo Premio Digitale per Artisti

    Art Backers Agency è tra i partner di Art Rights Prize, il primo Premio d’Arte Internazionale Virtuale che si rivolge a tutti gli Artisti,

    Estetista Cinica per l’Arte e la Cultura: il caso del Tour Cinico in Italia

    Un furgone rosa itinerante sta portando in giro i prodotti creati da Cristina Fogazzi, ovvero L’Estetista Cinica che con oltre 700 mila follower su Instagram e founder del brand di cosmesi Veralab con l'obiettivo di promuovere e sostenere le bellezze artistiche del territorio italiano.

    Storytelling e Social Media

    Per questa ragione uno storytelling efficace è di fondamentale importanza per costruire una narrazione del proprio museo, galleria o attività nel mondo dell’arte che sia coinvolgente ed emozionante: le persone non acquistano solo opere d’arte, un biglietto per una mostra o un servizio, ma soprattutto storie.

    Scopri Art Rights

    Scarica l'eBook

    Scopri gli altri articoli