More

    Content Marketing VS Inbound Marketing per l’arte

    Content Marketing VS Inbound Marketing per l’arte

    Strategie del contenuto a confronto.

    Negli ultimi mesi il mondo dell’arte ha iniziato ad aprirsi sempre di più al digitale, analizzandone le dinamiche e sperimentando nuove strategie di vendita e comunicazione. 

    Questo perché è indispensabile rimanere al passo con i nuovi processi del web marketing, che vedono gli utenti sempre più dipendenti dalla ricerca in rete per svolgere le loro scelte di acquisto, che si tratti di un servizio, un’opera o un ticket per visitare una mostra.

    Tuttavia, per capire quale sia la strategia corretta per incrementare il proprio business è necessario sapere, non solo in cosa consistono realmente queste diverse strategie, ma anche in quale modo integrarle per raggiungere i risultati sperati.

    Iniziamo a delineare due tipi di strategie al momento più in uso e molto spesso confuse: 

    • Content Marketing 
    • Inbound Marketing.

    Il Content Marketing è una strategia di marketing che si basa sulla creazione e diffusione di contenuti editoriali. L’obiettivo è quello di proporre all’utente news, eBook, articoli, foto, video e tantissimi altri tipi di contenuti attraverso blog, sito e social media. Per un content marketing efficace è necessario organizzare un piano editoriale che abbia come lettore di riferimento la Buyer Persona, cioè il cliente ideale da raggiungere, potenzialmente interessato a visitare il museo o a comprare un’opera o un servizio. Per questo il content marketing deve rivolgersi ad un target preciso, e raggiungerlo attraverso contenuti di qualità e altamente profilati, in grado di catturare la sua attenzione e indurlo a compiere l’azione che desideriamo o fornire l’informazione di cui necessita. 

    Al contrario, l’Inbound Marketing è un metodo incentrato sul “farsi trovare” dal nostro target, attirandolo verso il nostro brand e facendolo diventare prima un contatto, poi un cliente, e infine un promotore. L’Inbound si fonda su diversi pilastri, ma il suo “cuore” è il contenuto di qualità. Il modo migliore per attirare potenziali visitatori e collezionisti è portarli a conoscere e apprezzare la tua attività, offrendo contenuti rilevanti per loro, ovvero che soddisfino i loro bisogni.

    Le persone passano attraverso diverse fasi durante questo processo: ti conoscono, interagiscono con te, acquistano, ritornano.

    Ognuna di queste fasi richiede diverse azioni di marketing, alla cui base c’è sempre un solo principio: fornire contenuti giusti, nel posto giusto e al momento giusto.

    E questo ci porta al secondo caposaldo dell’Inbound Marketing che consiste nell’allineare il nostro contenuto agli interessi degli utenti attraverso il Content Marketing.

    All’interno della metodologia dell’Inbound, il Content Marketing serve innanzitutto per la Lead Generation, ossia per creare una lista di contatti potenzialmente interessati a te e alle tue attività. Come? Basterà inserire un form per scaricare i tuoi contenuti, come per esempio un eBook, un webinar o un video corso, oppure portare l’utente a iscriversi ad una newsletter. 

    Una volta acquisiti questi lead, occorre continuare a nutrirli con contenuti altamente personalizzati, ottimizzati per SEO e distribuiti su tutte le piattaforme. 

    Sviluppare una Content Marketing Strategy basata sulla metodologia dell’Inbound Marketing, creando un contenuto di qualità rispetto ai bisogni dei tuoi potenziali clienti può essere una strada vincente, soprattutto per il settore culturale assai distante da un tipo di promozione e vendita diretta e tradizionale.

    Tuttavia la strategia di contenuto deve essere sviluppata in una logica contestuale, ovvero all’interno dell’Inbound journey, ossia un funnel di conversione strutturato attorno alla produzione e diffusione di contenuti studiati per ottenere obiettivi specifici che possono essere: avere più visite sul tuo blog d’arte, incrementare la tua visibilità online, attirare visitatori e collezionisti, vendere opere o servizi. 

    Per fare questo è bene pianificare una strategia complessiva, che tenga conto di tutte le componenti dell’Inbound Marketing e delle regole previste dal settore culturale.

    Photo Credits: Your Art Empire

    Se anche tu vuoi implementare una content strategy per la tua attività di artista o professionista nel mondo dell’arte, contattaci

    Art Backers Agency è la prima agenzia di Marketing Culturale e Comunicazione interamente dedicata al mondo dell’Arte 3.0.
    Supportiamo gallerie, musei, istituzioni e brand extra-settore con strategie digitali tra fisico e online.

    Ultimi Articoli

    La Promozione dei Bookshop museali

    Il bookshop è quel luogo magico in cui è possibile acquistare un ricordo della visita al museo, approfondire un argomento particolare, acquistare il catalogo della mostra o un gadget da regalare.

    Art Rights Prize, il Primo Premio Digitale per Artisti

    Art Backers Agency è tra i partner di Art Rights Prize, il primo Premio d’Arte Internazionale Virtuale che si rivolge a tutti gli Artisti,

    Estetista Cinica per l’Arte e la Cultura: il caso del Tour Cinico in Italia

    Un furgone rosa itinerante sta portando in giro i prodotti creati da Cristina Fogazzi, ovvero L’Estetista Cinica che con oltre 700 mila follower su Instagram e founder del brand di cosmesi Veralab con l'obiettivo di promuovere e sostenere le bellezze artistiche del territorio italiano.

    Storytelling e Social Media

    Per questa ragione uno storytelling efficace è di fondamentale importanza per costruire una narrazione del proprio museo, galleria o attività nel mondo dell’arte che sia coinvolgente ed emozionante: le persone non acquistano solo opere d’arte, un biglietto per una mostra o un servizio, ma soprattutto storie.

    Scopri Art Rights

    Scarica l'eBook

    Scopri gli altri articoli